Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.

Stintino

stintino testata maxi

Nato come un villaggio di pescatori, Stintino fu fondato nel 1885 dagli abitanti dell'Asinara, isola che doveva divenire una colonia penitenziaria. Il paesino è oggi un centro turistico affermato, con meravigliose spiagge e scorci panoramici dal fascino straordinario. A nord del paese si apre il panorama della rada dei Fornelli, chiusa dalle rupi di Capo Falcone e dalla grande isola Asinara: si individuano a breve distanza la piatta isola Piana, e l'isoletta della torre della Pelosa, sormontata da una grande torre aragonese. La visuale è arricchita dai colori fantastici del mare e dal candore della sabbia lungo la spiaggia della Pelosa, che, insieme alla spiaggia delle Saline, è la più rinomata del centro balneare. L'isola dell'Asinara è separata dalla terra ferma da uno stretto di mare poco profondo che ospita appunto l'isola Piana. L'Asinara appartiene al Comune di Porto Torres; sede in un passato recente di una prigione di massima sicurezza, è divenuta parco nazionale nel 1997. Costituita da rocce granitiche e scistose, l'isola presenta una forma allungata, con due settori contrapposti, dominati da Punta della Scomunica a nord, e Punta Maestra Fornelli a sud: le coste, tormentate ed a picco sul mare nella parte occidentale, si distendono nella parte meridionale, dove si aprono spiagge e calette sabbiose. Tra queste Cala d'Arena e Cala S. Andrea sono ineguagliabili per la trasparenza dei fondali marini, e per la splendida spiaggia di sabbia candida che fa da cornice. La fauna dell'isola è straordinaria: asini bianchi e mufloni, lepri, pernici e gazze, oltre ad una gamma importante di specie ornitiche marine.